come togliere il calcare dai rubinetti bronzati

Rubinetterie e calcare

Come togliere il calcare dai rubinetti

Come togliere il calcare dai rubinetti. Ecco la guida completa:

Il calcare è una roccia sedimentaria. Il calcare è un tipo di sedimento a base di calcio e consiste principalmente del minerale calcite. Si può trovare in depositi tutto intorno a noi: sui nostri piedi ogni giorno mentre camminiamo; spesso si accumula lungo le coste dove conchiglie o coralli crescono attaccati ad esso per tutta la vita! La parte prevalente delle rocce calcaree va inclusa nei sedimenti organogeni; una parte minore si è formata per precipitazione da soluzioni acquose come sedimenti chimici. Infine, possono anche formarsi sedimenti calcarei clastici, qualora le rocce, vengano distrutte fisicamente e poi ricomposte in altro luogo.

La soluzione più conosciuta è l’anticalcare, ci sono però degli altri metodi molto efficaci.
In questo articolo vedremo come togliere il calcare dai rubinetti bronzati e non solo.

Come togliere il calcare dai rubinetti? Un primo consiglio

Il processo di rimozione del calcare dal lavandino o dai sanitari è piuttosto semplice: basta riempire la ciotola/doccia con abbastanza acqua bollente da coprire tutte le superfici, poi aggiungere 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio per 4 tazze di valore (che sarebbero 8 once fluide). Lasciate riposare questa soluzione per tutta la notte prima di usarla – e se ci sono dei pezzi avanzati dopo che sono passate 24 ore, perché sappiamo quanta pazienza ha il nostro felino preferito – scartateli di conseguenza; sciacquate accuratamente sotto l’acqua calda e fredda filtrata H2O.

Una delle caratteristiche delle nostre acque è l’alto contenuto di calcio e magnesio che deposita il calcare o carbonato di calcio all’interno e all’esterno delle tubature e dei rubinetti.

Prima di proseguire possiamo provare a fornire una risposta ad una classica domanda: Perché si forma il calcare sui rubinetti?

La risposta a questa domanda sta nella concentrazione di ioni cloruro nell’acqua di rubinetto. Alti livelli di cloro sono la causa dell’accumulo di calcare, ma ci sono modi per evitarlo! Installando un filtro a carbone o facendo consegnare l’acqua attraverso i barili di pioggia è possibile ridurre il gusto di cloro con un rischio minimo di formazione di calcare
Scoprire perché esattamente si forma il calcare non è un’impresa facile a causa del suo complesso processo di produzione; tuttavia sappiamo una cosa – attraverso una corretta manutenzione dei nostri impianti utilizzando tubi filtrati e non lasciandoli funzionare a secco durante le calde giornate estive.

Rubinetterie e calcare

Come togliere il calcare dai rubinetti?

Nessuno vuole sentire il sapore amaro del calcare nell’acqua, ma purtroppo non è qualcosa che si può evitare. Per evitarlo completamente bisognerebbe usare bevande in bottiglia o filtri per i nostri rubinetti di casa – nessuna delle due opzioni è molto conveniente quando si è in giro con gli amici!

Fortunatamente c’è una soluzione: l’installazione di un efficace sistema di addolcimento rimuoverà il calcio dall’acqua di rubinetto dura prima di alimentarla nel vostro frigorifero; dopo averla fatta scorrere attraverso il sistema avrete di nuovo una grande degustazione di bevande filtrate fredde come il ghiaccio – senza dover ricominciare da capo riscaldando ancora una volta le microonde ad acqua.
La causa più comune dell’accumulo di calcare su rubinetti e docce è la mancanza di filtraggio che si traduce in processi di pulizia inefficienti.

Come togliere il calcare dai rubinetti? Consigli d’acquisto

A tal proposito vi consigliamo un prodotto davvero valido da acquistare:

GEYSER EURO – filtro per acqua di rubinetto, filtro per acqua, filtro per rubinetto con materiale unico Aragon, sistema di filtraggio dell’acqua altamente efficiente

clicca per acquistare

Oppure potreste ricorrere ad un dosatore di polifosfati che immette nell’acqua una minima quantità di polifosfati che creano un film protettivo sulle tubazioni.

Proposta d’acquisto:

Ferdom FD406 Dosatore Proporzionali Di Polifosfati -Anticalcare e Anticorrosione. 2 x Cartucce. Valvola Di Arresto e By-Pass. Testa Ottone, Vaso San

F Weld 406 Solidbrass Pipe Protection System è un ottimo modo per proteggere gli impianti idrici dalla corrosione. Può anche essere usato su caldaie, scambiatori di calore e altre attrezzature che hanno bisogno di protezione contro la scala o depositi ping-ponging in tubi con raccordi per l’accumulo di materiale dannoso nel tempo che potrebbe portare a perdite! La costruzione in plastica SAN rende questa unità abbastanza durevole in modo da non preoccuparsi di rompere dopo un po’ a differenza di alcuni modelli più economici là fuori attualmente disponibili oggi

Il distributore del sistema di distribuzione FD406 in ottone solido in ottone manterrà la vostra installazione idraulica sicuro impedendo qualsiasi accumulo di minerali all’interno di serbatoi causando danni costosi.

clicca per l’acquisto

Queste soluzioni potrebbero risultare costose ma permetterano di proteggere la durata degli oggetti altrimenti rovinati dal calcare.

Come togliere il calcare dai rubinetti bronzati

Nel caso in cui, invece, il calcare ci sia ed abbia incrostato i rubinetti è noto che esistano innumerevoli rimedi anti calcare.

Comunemente quando si ha la rubinetteria incrostata si prende un comune anticalcare.

In realtà ci sono delle controindicazioni:

  • Prodotti altamente inquinanti
  • Nocivo per la salute della persona
  • Spesso se lasciato agire rovina la superficie

Solitamente le rubinetterie sono in ottone cromato lucido, raramente in acciaio inox.

La cromatura crea un film superficiale di pochi micron, che si può danneggiare facilmente con dei prodotti aggressivi. Una soluzione ottimale è l’aceto bianco diluito con acqua.

La ceramica invece non teme prodotti aggressivi, quindi un normale anticalcare non provocherà danni alla ceramica.

Limone e bicarbonato di sodio diluiti in un litro di acqua sono un’altra ottima soluzione anticalcare.

  • Bronzo

La tecnica più usata per pulire gli oggetti bronzei è quella di utilizzare un composto di 1/3 di aceto o limone, 1/3 d’acqua e 1/3 di ammoniaca.

Se lo sporco però risulta più ostinato, si dovrà immergere gli oggetti per una mezz’ora in una bacinella con acqua calda e sapone; passati quindi circa 30 minuti e ammorbidito lo sporco, si potrà sciacquare, asciugare e lucidare.

Se ti interessano la cura della casa, della persona e dei cari amici animali, continua a leggere il nostro blog e scoprirai numerosi altri consigli utili.