Come togliere la carta da parati autonomamente

Togliere la carta da parati

Carta da parati rimovibile e al vinile

Carta da parati tradizionale e stacca parati

Liquido stacca parati

Le novità

La carta da parati consente di dare un tocco di design e di originalità all’intero ambiente domestico. Quando però inizia a diventare vecchia, potreste voler togliere la carta da parati per poter tinteggiare le pareti con un colore nuovo o per sostituirla. Vediamo insieme come togliere la carta da parati!

Togliere la carta da parati.

Con il trascorrere del tempo, la carta da parati ingiallisce ed invecchia, oppure si rovina. Dopo averla tolta con cura, si possono pitturare le pareti oppure si la si sostituisce.

Innanzitutto, per togliere la carta da parati servono alcune cose: acqua calda e aceto o un prodotto solvente, spugna, taglierino, spatola, fogli di vecchi giornali, macchina a vapore e nastro isolante.

Prima di tutto, si devono spostare dalle pareti tutti i mobili, coprendoli con fogli di giornale o con dei teli di plastica. Bisogna anche posizionare alla base delle pareti fogli di giornali. Infine, si devono spegnere e staccare e coprire tutti gli interruttori.

Bisogna capire di che tipo di carta si tratta e con quale tipo di muro abbiamo a che fare. Può essere rimovibile: al vinile oppure tradizionale.

Per sapere di quale tipo abbiamo in casa, basta sollevare un lembo della carta ad un angolo, tirandola sù con entrambe le mani. Una carta rimovibile si toglierà facilmente e tutta insieme.

Nel caso che dal muro si stacchi solo uno strato è una carta al vinile. Infine, se si eliminano solo piccoli pezzi, è di tipo tradizionale.

Carta da parati rimovibile e al vinile

La carta da parati rimovibile, si può tirare via con un unico movimento:

  • Staccate un angolo.
  • Strappate la carta via dalla parete.
  • Eliminate ogni residuo di colla con un panno umido, acqua calda e detergente.

Per la carta da parati al vinile, bisogna capire che tipo di muro abbiamo. Basta bussare sulla parete: se il muro risuona pieno si tratta di intonaco, mentre se vuoto si tratta di cartongesso.

  • Togliete la parte superiore della carta, afferrate un angolo e tirate. Si staccherà e rimarrà lo strato cartaceo.
  • Con il taglierino praticate dei tagli orizzontali.
  • Bagnate la carta con l’acqua calda ed il solvente per alcuni minuti.
  • Eliminate lo strato cartaceo con una lama in plastica oppure una spatola.
  • Eliminate i residui con acqua calda e detergente. Nel caso di una parete in cartongesso, invece, non si deve assolutamente bagnare ma la si deve raschiar via.

Carta da parati tradizionale e stacca parati

Per togliere la carta da parati tradizionale conviene utilizzare una macchina stacca parati a vapore. È un apparecchio composto da una piastra a vapore e da un serbatoio di acqua, riscaldata con l’elettricità.

clicca per acquistare

Il vapore è il metodo più usato e più pratico. Bisogna praticare dei tagli e dei fori sulla carta da parati con un taglierino. Nel caso di parete in cartongesso, questo passaggio viene saltato.

La carta deve essere trattata a sezioni. Bisogna appoggiare la macchina staccaparati contro la carta per qualche minuto, procedendo dall’alto verso il basso. Procedete con prudenza con il cartongesso, in quanto l’umidità può causare danni al materiale.

Finita la prima sezione della carta, bisogna alzare l’angolo, tirare verso l’alto la carta e raschiarla via.

Infine, si devono eliminare i residui con acqua calda e detergente.

Liquido stacca parati

Vediamo come togliere la carta da parati tradizionale con un liquido stacca parati. In alternativa, si può optare per una soluzione di aceto ed acqua.

clicca per l’acquisto

Praticate dei tagli e dei fori sulla carta da parati. In alternativa alla foratura si può utilizzare il carteggio con levigatrice elettrica e carta vetrata a grana 120.

Riempite di acqua calda un secchio ed aggiungete aceto (soluzione al 20%) oppure il liquido staccaparati. In alternativa, si può optare per l’ammorbidente a concentrazione del 20-50%. La soluzione deve essere miscelata in piccole quantità.

Dopo si deve prendere un rullo, un pennello o una spugna ed immergerli nel secchio. Optare per un nebulizzatore consentirà di applicare la soluzione in modo più semplice.

Si deve trattare una sezione della carta da parati alla volta. Lasciate che la soluzione agisca per alcuni minuti. Togliete la carta da parati dal basso verso l’alto, rimuovendo una striscia alla volta.

Eliminate i residui di colla con detergente ed acqua calda.

Le novità

Tra le nuove carte da parati si trovano le stampe in vinilico su tessuto non tessuto. Dai disegni originali, sono molto facili da applicare.

Bordo Greca

Si può optare anche per quelle con dettagli dorati in stile Art Nouveau, oppure a motivi floreali o geometrici.

Si deve ricordare che la carta da parati si adatta facilmente a qualsiasi superficie, basta che sia certificata e garantita con un marchio di qualità.

Un’altra tipologia molto utilizzata è la texture, utilissima per realizzare una parete somigliante ad una in mattoncini oppure in legno.

Carta da parati texture legno

Tra l’altro, recentemente è stato aggiunto un modello pelabile, che si può rimuovere facilmente da asciutto.

Se vuoi altri consigli sulla cura della casa clicca qui.