Come togliere l’amaro dalle olive

Come togliere l’amaro dalle olive. Le olive sono deliziose ma spesso il loro sapore amaro non è gradito. Siamo qui per capire come togliere l’amaro dalle olive. Le olive sono infatti caratterizzate da un sapore che tende ad essere amarognolo. Di qualsiasi tipologia si parli, generalmente tutte le olive tendono ad essere amare, ma come fare per togliere l’amaro dalle olive? Vediamo qualche consiglio culinario utile per compiere tale operazione. Dopo aver capito come rimuovere il gusto amaro dalle olive scopriremo anche qualche consiglio utile per conservarle al meglio.

come togliere l’amaro dalle olive

come togliere l'amaro dalle olive

Generalmente, le olive che tendono ad essere più amare sono quelle appena raccolte. Questo tipo di olive, siano esse nere o verdi tendono ad essere abbastanza aspre all’assaggio, il che potrebbe non essere gradito a molti. Per evitare di privarsi del gusto di un tale prodotto mediterraneo, è necessario procedere con l’operazione di deamarizzazione. Prima di procedere vediamo quali sono alcune delle caratteristiche delle olive.

Le olive

come togliere l’amaro dalle olive

Queste ultime vengono a far parte della famiglia dei frutti e sono considerate abbastanza caloriche per via dell’elevato numero di grassi contenuti al loro interno. Le olive contengono anche un discreto quantitativo di fibre. In ogni caso ecco una tabella:

Valori nutrizionali per 100g di olive verdi: Kilocalorie 142 Acqua 76,8 gr Carboidrati 1 gr Proteine 0,8 gr Grassi 15,0 gr Di cui saturi 2,1 gr Fibre 4,4 gr Calcio 64 mg Ferro 1,6 mg Zinco 0,40 mg Fosforo 14 mg Potassio 432 mg Vitamina B1 o tiamina 0,03 mg Vitamina B2 o riboflavina 0,08 mg Vitamina B3 o niacina 0,50 mg Acido oleico 10,32 gr Acido linoleico 1,58 gr Beta-carotene 288 µg Vitamina E 1,99 mg Indice glicemico 15 (fonte Bda-Ieo)

come togliere l'amaro dalle olive

Come togliere l’amaro dalle olive

Il processo di deamarizzazione è necessario quando vogliamo rendere l’olio d’oliva più appetibile per i consumatori. Il primo passo di questa procedura consiste nel rimuovere il sapore amaro che rimane dopo che le olive sono state appena raccolte dall’albero e non hanno subito alcuna fase di lavorazione, il che può essere fatto attraverso diversi metodi a seconda di quanto tempo si è disposti a spendere per farlo!

come togliere l’amaro dalle olive

  • acqua: Il modo tradizionale per rendere le olive più gustose è dare loro un bagno ed è tutto ciò di cui avete bisogno. Basta immergere i frutti in acqua fredda, cambiandola due volte al giorno per due settimane circa; a questo punto l’amarezza sarà sparita insieme a qualsiasi nocciolo allungato trovato sulla loro superficie (una buona cosa). Se non usate immediatamente, coprite con la salamoia: le piante di olive si disidratano naturalmente da prima che iniziasse la storia scritta!
  • acqua e soda caustica: Per ogni chilogrammo di olive bisogna preparare 3 litri d’acqua mescolati con 20 grammi di soda caustica prima di immergerle durante la notte per 8 o 10 ore a seconda di quanto forte è stata fatta la soluzione all’inizio; questo deve essere seguito dall’immersione degli oggetti completamente immersi in acqua fredda per tre giorni fino a quando tutti i segni mostrano che hanno finito di asciugarsi – di solito qualche cambiamento di colore avviene quando è abbastanza sicuro non solo rimuovere ma anche maneggiare questi frutti!

Ora che hai scoperto come togliere l’amaro dalle olive puoi apprendere qualche metodo utile per la conservazione delle stesse.

Come conservare le olive

  • In una salamoia di acqua e sale, le olive devono essere conservate in vasi sterilizzati. Dopo l’ebollizione per riscaldare il sigillatore di vasi (per evitare qualsiasi germe) poi raffreddare con un’aggiunta di alloro per il sapore prima di mettere le merci nella loro casa finale – lontano dalla luce! Questi ti dureranno un anno se conservati correttamente
  • Le olive salate sono un metodo di conservazione collaudato da secoli. Possiamo contemporaneamente insaporire le conserve e averle a disposizione molto tempo dopo aver fatto la nostra creazione, avendo cura di preservare la loro integrità mentre “riposano” in uno stato intatto dopo essere state confezionate in grandi contenitori.
  • sott’olio: Mettete le olive in uno scolapasta, copritele di sale e lasciatele per dieci giorni prima di lavarle per far uscire tutto il loro succo mentre riposano sui banconi della cucina o sui piatti. Lavare accuratamente dopo otto ore in modo da non rompere le camere interne di frutti come le albicocche (quando sono mature) devono anche trovare il modo di liberarsi da parti interne normalmente coperte dalla pelle – come i noccioli!
  • al limone: Questo è un ottimo modo per conservare le vostre olive. Per prima cosa, assicurati che siano fresche e pulite lavandole e asciugandole con un tovagliolo di carta prima di metterle in un contenitore o vaso a tenuta d’aria (uno sterilizzato funziona meglio). Poi aggiungere 100 grammi di sale per litro d’acqua e mescolare bene fino a quando tutti gli ingredienti sono completamente incorporati allo stato liquido.

Ti potrebbe interessare anche: Come togliere i cibi grassi dalla propria dieta

Lascia un commento